PD in rosso sui conti, cassa integrazione e caccia ai parlamentari morosi

Tira aria di crisi nel PD a livello occupazionale. Secondo quanto è stato riportato da Repubblica.it, infatti, il Partito Democratico ha proposto la cassa integrazione a rotazione per i lavoratori che lo tengono in piedi. Trattasi in totale di 174 lavoratori che, pur tuttavia, al posto della cassa integrazione preferirebbero misure alternative come i contratti di solidarietà oppure i prepensionamenti.

A quanto pare ammontano a ben 9 milioni i debiti presenti nel bilancio 2016 con la conseguenza che il PD, con la cassa integrazione a rotazione, punta a ridurre tale perdita a 6 milioni di euro.

Come avere un aumento di seno in modo del tutto naturale, clicca sulla foto per info, con pagamento alla consegna.

Contestualmente, inoltre, è partita la caccia ai parlamentari del PD che sono ‘morosi’, ovverosia quelli che per dovere morale ogni mese devono versare 1.500 euro al Partito, ma che non sempre hanno rispettato l’impegno preso. Al riguardo esisterebbe già una lista dei ‘morosi’ anche se non mancano coloro che, inseriti nell’elenco, affermano invece di aver sempre pagato la quota al partito di appartenenza.

Add Comment