In Italia arriva il primo corso di cannabis medica in un’Università

Il mondo accademico italiano spalanca le porte alla cannabis medica. E non è un modo di dire. Dal prossimo ottobre gli studenti dell’Università di Padova che studiano presso il Dipartimento di Neuroscienze potranno scegliere di frequentare un corso di perfezionamento post laurea proprio sulla marijuana per uso terapeutico.
Si tratta del primo corso universitario dedicato alla sostanza, che prenderà il nome di “La cannabis medicinale: aspetti agro-produttivi, botanici, medici, legali e sociali”. Una notizia di importanza assoluta che va ad aggiungersi alle novità in materia di cannabis medica degli ultimi mesi; segno evidente di un tema che continua il proprio percorso di sdoganamento.

L’Italia sta vivendo un momento di grande riflessione e dibattito sull’uso generale della cannabis: non solo in ambito medico ma anche ludico e personale. Sulla questione vi è una proposta di legge che giace da mesi in Parlamento e che prima o poi dovrà essere affrontata; ad oggi nel nostro Paese, pur essendo ancora illegale la coltivazione autonoma di cannabis, sono del tutto leciti portali autorizzati come questo e anche negozi fisici nei quali è possibile acquistare semi di cannabis.

Come avere un aumento di seno in modo del tutto naturale, clicca sulla foto per info, con pagamento alla consegna.

Nelle ultime settimane stanno aprendo, in sequenza, punti vendita sul territorio dove si può acquistare la marijuana legale, cosiddetta ‘smart’, in quanto a basso contenuto di Thc e quindi utile solo per rilassarsi.
Il discorso terapeutico è ad uno stato notevolmente più avanzato: tante le regioni che hanno emanato una legge per organizzare la distribuzione del farmaco. Da pochi mesi è possibile reperirlo direttamente nelle farmacie territoriali e a costi ridotti, visto che non va più importato ma nasce da cannabis coltivata direttamente dallo Stato italiano all’interno di un progetto pilota.

Tante novità che rendono il tema di forte attualità: e in questa cornice va a incastrarsi anche la notizia del corso universitario in materia di cannabis medica. D’altra parte si fa ricorso alla sostanza soprattutto in ambito neuropatico per alleviare dolori cronici; di conseguenza per gli studenti di Neuroscienze si tratta di un argomento con il quale iniziare a doversi confrontare.
Il corso di perfezionamento avrà la durata di 1 anno e servirà per apprendere le “caratteristiche etno-botaniche ed etno-farmacologiche della pianta denominata Cannabis sativa ai fini del suo utilizzo nei diversi ambiti farmaceutico e medicinale”.

Gli studenti andranno quindi ad apprendere i vari utilizzi della marijuana medica e le patologie per le quali può rivelarsi utile; a capire i potenziali rischi; a sviluppare gli aspetti etici della cannabis medica; ad apprendere le metodologie per informare il paziente, anche tramite lo studio delle varie leggi, nazionali e internazionali, che ne regolano l’utilizzo.
Un corso universitario intorno al quale si è ovviamente creata una grande curiosità e una forte attesa; il tutto a fronte dei soli 40 posti disponibili. Un altro passo verso l’inclusione totale della cannabis nella vita quotidiana.

Add Comment